GIORNATA PER LA BONARIENZA VERSO LA DONNA

Non me lo ricordavo piü, oggi ricorre la giornata contra la violenza sulla Donna. Apro fb e comincio a vedere i post di "amiche" e non di meno whatsapp, qualche altra amica mi invia la foto. Va bene. Mi piace la cosa. Decido di condividere un post anche io, uno a caso con uno scritto di Alda Merini. 
Ma mentre scrivo di getto senza ricorrezioni, mi frulla, e non piace, il termine-parola: violenza. Contro la violenza. Parliamo sempre di guerriglie, interiori e quindi esteriori. Cio che abbiamo dentro inevitabilmente, prima a poi verrà fuori, magari si addurrà la responsabilità a qualcuno, dicendo quella/o mi fa scaturire, dimenticando che quella persona è il riflesso.   Vabbè ma questo è un altro discorso. Torno al punto. Quindi ho cercato di trasformare e trasmutare tutte le sensazioni e parole al negativo in qualcosa che potesse inneggiare al Bene, prima per me e poi per chi legge. Giornata contro la violenza è sempre una battaglia. E non ne usciamo piü in questo modo. E chissà se tutti, maschi e femmine cominciassero a pensare di meritarsi di vivere nell'amore, forse ci sarebbero meno frustrazioni e scontetezze, meno rabbia. Meno finti berbenismi. Il famoso quieto vivere, secondo me è deleterio e finisce per distruggere quando raggiunge i massimi livelli, ma anche questo è un altro frangente.  Di seguito le mie riflessioni e sensazioni che mi sono partite da dentro le ho poco riflettute. Tanto l'ho fatto in tanti anni di autointrospezione. Tutta auto didattica sotto la pelle. La Vita indubbiamente è la migliore maestra se continui a vederne la Bellezza perö. Mia MARTINI - DONNA
 *La "bonarienza" (l'ho coniato come contrario di violenza alla donna) verso la Donna deve cominciare da dentro...forse la Donna dovrebbe cominciare a "bonariarsi" da sé, prima di tutto...amarsi sarebbe il massimo, al primo segno di violenza psicologica e fisica saprebbe intervenire e uscirne. Bisogna tramandare con gli atteggiamenti nella quotidianità...si, va bene istituire questa giornata, però attenzione che non diventi una ricorrenza commerciale, virtuale, ciclica, abitudinaria etc... Dopotutto i maschi sono partoriti dalle donne. Ricordiamocelo. La differenza la fa ognuna di noi Donne. Si può essere di esempio dovunque, prima di tutto in privato, poi sui posti di lavoro, con le amiche... ma se non lavoriamo sulla nostra consapevolezza per autostima e dignità sarà difficile che qualcun'altro lo faccia per noi. Comprese le mamme, loro, le nostre mamme, hanno avuto altri percorsi e spesso inconsciamente hanno tramandato atteggiamenti propensi alla dipendenza con relativa mancanza di autostima...sicuramente ogni percorso serve ma questo non significa accettare e subire. Apposta si chiama autostima. Spesso le Donne si sminuiscono per il partner. Attenzione! Non mi ricordo se l'ho letto o è mia: se non mi butto già io per terra per fare lo zerbino, nessuno può passarmi sopra! Senza rabbia o rancore o guerriglie. Solo fermezza, bonarienza e amore, ogni giorno, ogni istante.Secondo me ora lo si tramandare anche nelle scuole.  * Donna! Sorridi a te stessa e amati!* WLVS 
PS: una piccola segnalazione, di solito google ricorda con un doodle, le ricorrenze. Per me non fa testo, perö è curioso...l'indifferenza...

Maschi Contro Femmine  per sorridere...


ll blog è in collaborazione con il
sito web:

indirizzo email:
cestchic.ch@gmail.com


IL NOSTRO BLOG SI INTERESSA ANCHE DI CRESCITA PERSONALE.
VI SUGGERIAMO ALCUNI ARGOMENTI, CONSULTANDO I LINK DI SEGUITO ELENCATI